0

BANCO DI NAPOLI CONDANNATO PER ANATOCISMO

Il Tribunale di Benevento ha condannato il Banco di Napoli (Gruppo Intesa Sanpaolo) al pagamento di circa Euro 500.000 per anatocismo bancario applicato sui conti correnti di un’impresa campana.

Al termine di un processo il GIP Remo Ferraro ha accolto la tesi del legale della “Sa.da” S.r.l., società di Mirabella Eclano (Avellino) sul calcolo degli interessi, obbligando l’istituto di credito a risarcire al cliente la somma di Euro 487.000 per anatocismo praticato sui conti correnti intrattenuti tra le parti.

Così facendo, la banca si è procurata un ingiusto profitto pari a quasi Euro 500.000 a danno dell’impresa, che grazie all’attività giudiziale è riuscita a recuperare.

Ricordiamo che l’anatocismo è l’applicazione, da parte della banca, di interessi su interessi (capitalizzazione composta) a svantaggio di un cliente.

E’ un metodo di calcolo degli interessi basati su un regime di capitalizzazione composta degli stessi secondo il quale gli interessi a debito del correntista vengono liquidati dal conto ogni tre mesi, mentre gli interessi a credito vengono liquidati con cadenza annuale. L’anatocismo indica dunque, in sostanza, la produzione di interessi derivata da altri interessi, resi produttivi nonostante siano scaduti o non pagati, su un determinato capitale.

Ciò provoca un disallineamento nella maturazione degli interessi a debito ed il conseguente fenomeno dell’anatocismo, perché vengono calcolati interessi su interessi, secondo le modalità sopra descritte.

L’art. 1283 del Codice Civile sancisce il divieto dell’anatocismo, infatti: “In mancanza di usi contrari, gli interessi scaduti possono produrre interessi solo dal giorno della domanda giudiziale o per effetto di convenzione posteriore alla loro scadenza, e sempre che si tratti di interessi dovuti almeno per sei mesi”.

 

www.padova.deciba-professional.it

Tel. 391 7059003 – 349 9480562 o via e-mail padova@deciba-professional.it

 

 

Myriam Giada Vianello

Myriam Giada Vianello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *