0

IL PIGNORAMENTO DELLA PRIMA CASA QUANDO E’ POSSIBILE?

Il pignoramento della prima casa è da molto tempo oggetto di disinformazione e malintesi, in quanto non sempre viene fatta chiarezza sui casi in cui la pignorabilità è applicabile o meno. Molte persone sono infatti convinte che l’immobile in cui si risiede non può essere soggetto ad espropriazione, ma in realtà non è proprio così. Esistono infatti delle leggi che pongono dei limiti a questa sconveniente situazione, ma variano a seconda delle situazioni e dei soggetti interessati a recuperare il credito.

Innanzitutto va sottolineata la differenza tra “prima casa”, che indica l’abitazione in cui si vive ma che può comunque implicare il possesso di ulteriori immobili, e “unica casa”, ossia il solo ed unico immobile di appartenenza del debitore.

Vediamo ora nel dettaglio quali sono le varie casistiche e cosa comportano.

Un debito contratto con la banca, come si può ben immaginare, può condurre al pignoramento della casa, nonostante si tratti dell’unica di appartenenza. Quando si contrae un mutuo, infatti, automaticamente viene iscritta un’ipoteca sull’immobile acquistato, che permette all’istituto bancario di richiedere al giudice che lo stesso venga messo all’asta in caso di inadempimento, nonché di avere la priorità in confronto ad altri eventuali creditori sui proventi della vendita. La stessa situazione si presenta quando il  creditore è una società finanziaria che ha erogato un prestito non saldato.

Nel caso di debito contratto con il fisco, ad esempio con Equitalia, la situazione diventa più complessa. Esiste infatti un legge, denominata Decreto del Fare (D.L. 69/2013, modificato dalla Legge 9 agosto 2013 n.98) che impone all’agente della riscossione il divieto di confiscare l’immobile del moroso,  purché siano rispettate le seguenti condizioni:

  • il debitore deve essere in possesso di un’unica casa;
  • la casa in questione deve essere il suo effettivo domicilio;
  • essa risulti sul catasto come abitazione civile e non si tratti di un’immobile di lusso.

Al contrario, se il debitore è in possesso di due o più immobili, rischia l’espropriazione di tutti gli stessi, inclusi i terreni agricoli, gli immobili adibiti ad uso lavorativo e le proprietà condivise (ad esempio una casa ereditata di cui si possiede solo una parte in quanto spartita con gli altri successori). Lo stesso criterio vale se il moroso è in possesso di un unico immobile ma non vi risiede, oppure lo utilizza come ufficio.

Tuttavia, il pignoramento degli immobili è contemplato solo qualora il valore complessivo degli stessi superi la somma di €120.000 e il debito contratto, a sua volta, ammonti come minimo a  €120.000.

 

 

   www.padova.deciba-professional.it

Tel. 391 7059003 – 349 9480562  o via e-mail  padova@deciba-professional.it

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *