0

TASSI USURAI SUL MUTUO, BANCA RISARCISCE 43 MILA EURO

Non spaventarsi è meglio!!!

Una donna di Nettuno ha impugnato un’atto di precetto intimatogli dalla banca e l’istituto di credito dovrà versargli, sul conto corrente 43.420 euro, una somma cui andranno sommati interessi e rivalutazioni, oltre alla rifusione delle spese legali.

Il motivo: sul mutuo erano stati applicati tassi ritenuti usurari ed erano stati richiesti alla donna altri soldi per alcuni ratei ancora da versare, con un atto di precetto che è poi apparso indeterminato ed è quindi stato annullato.
È questo il contenuto, in sintesi, di una sentenza, già esecutiva e motivata, pronunciata dal giudice Maurizio Colangelo della Sezione Civile del Tribunale di Velletri, che ha ritenuto caratterizzato da usura bancaria e, in una fase successiva, da anatocismo il comportamento dell’istituto bancario che, nel 2000, aveva concesso un mutuo di 130 milioni di lire (pari a circa 67 mila euro) a una donna di Nettuno per l’acquisto di un appartamento in città.
Nello specifico, grazie alla perizia, è stato accertato che già alla firma del contratto di mutuo da parte della donna erano stati applicati dei tassi ritenuti usurari negli interessi moratori, a causa dello sconfinamento del cosiddetto “tasso soglia”, tasso massimo d’interesse applicabile, secondo legge, omnicomprensivo di tutte le spese sostenute per accedere ad un mutuo (TAEG).

La stessa perizia ha anche evidenziato come fosse necessario annullare un atto di precetto emesso dalla banca poiché ritenuto indeterminato.

La mutuataria, infatti, dopo aver pagato regolarmente il mutuo per quindici anni, aveva attraversato un difficile periodo a livello economico e aveva quindi sospeso i versamenti.

L’istituto di credito, a quel punto, aveva inviato l’atto di precetto, senza indicare con precisione i ratei dovuti e chiedendo di avere circa 48 mila euro.
Con la perizia, le cui conclusioni sono state accolte dal giudice, è stato invece evidenziato che la donna non deve nulla alla banca, mentre quest’ultima deve versare all’opponente le somme sopra indicate.

www.padova.deciba-professional.it

Tel. 391 7059003 – 349 9480562 o via e-mail padova@deciba-professional.it

 

 

 

 

 

 

 

 

Angelo Dornetti

Angelo Dornetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *