0

CLONATI MIGLIAIA DI BANCOMAT A TESSERA-VENEZIA

Clonate migliaia di carte bancomat all’aeroporto Marco Polo di Tessera con la solita tecnica dello skimmer cioè la telecamera posizionata sulla tastiera in cui si digita il pin.

 

La coppia di ladri, entrambi di origine bulgara era riuscita a clonare e rubare i codici segreti anche negli scali aeroportuali di Roma e di Milano, sempre nei bancomat installati nella zona degli arrivi, riuscendo così a rubare i soldi dei tantissimi turisti in transito. A scoprire la banda di truffati gli agenti della polizia di frontiera e giudiziaria che dopo numerosi inseguimenti e appostamenti hanno fatto irruzione nel covo dei due ladri, in un appartamento romano, con i due bulgari ora agli arresti. Solo il tempestivo intervento dei poliziotti ha impedito che la mole di dati carpiti fruttasse un introito di svariati milioni di euro.

La clonazione avviene attraverso la duplicazione della carta (di credito o bancomat) ad opera di chi intende farne un uso illecito, dopo averne letto i dati in esse racchiusi, tra i quali il Pin.
Il metodo attualmente più in voga è quello dell’utilizzo, presso lo sportello ATM (quello per i prelivi automatici), di un lettore dei dati magnetici della carta posizionato sopra a quello dove viene infilata normalmente la carta, oltre ad una microtelecamera, utilizzata per carpire il codice segreto digitato allo sportello dal titolare della carta.

In alcuni casi al posto della microtelecamera viene utilizzata anche una seconda tastiera, posizionata sopra quella dello sportello e dotata di sistema di decriptazione del codice digitato.
Grazie a questi sistemi ingegnosi, la clonazione è un fenomeno particolarmente insidioso in quanto il titolare puó accorgersi dell´avvenuto uso illecito della carta anche con notevole ritardo.

 

  www.padova.deciba-professional.it

Tel. 391 7059003 – 349 9480562  o via e-mail  padova@deciba-professional.it

 

Myriam Giada Vianello

Myriam Giada Vianello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *